Instagram @f1

Intervistato dal Corriere della Sera, il nuovo CEO della Formula 1 Stefano Domenicali ha parlato di vari argomenti riguardanti il Circus: “La F1 di oggi dovrebbe offrire una bellissima sfida tecnologica dominata da piloti-eroi. Penso a figure che appartengono all’agonismo e che, nel contempo, sanno rappresentare valori universali. Abbiamo bisogno di qualcosa che faccia innamorare chiunque. Quando affermiamo ‘We race as one’ lanciamo un messaggio al quale credo molto, fa capire ai giovani che le corse non stanno in un mondo lontano dalla realtà. L’obiettivo è quello di aumentare l’attenzione del pubblico e migliorare il livello commerciale della nostra offerta. Televisioni, organizzatori, tifosi chiedono di innovare. Potremmo sperimentare le sprint race in tre occasioni spettacolarizzando il weekend. Il dna della F1 non cambia ma è giusto corrispondere un’aspettativa. Il nostro intento è di confermare i 23 eventi che sono stati annunciati. Purtroppo prima dell’estate sarà difficile accogliere il pubblico”.