Chris Smalling (immagine tratta dall'account instagram @smalling)

Chris Smalling, difensore inglese della Roma, si è raccontato in una lunga intervista al quotidiano inglese ‘Telegraph’. Il giocatore ex Manchester United ha raccontato di come sia stato difficile l’ultimo periodo nei Red Devils: “Avremmo voluto finire la scorsa stagione in maniera migliore, ma sono stato fedele e ero pronto alle battaglie che sarebbero arrivate dopo. Ero concentrato nel migliorarmi giocando allo United. Appena iniziata la stagione non andavo neanche in panchina, un’esperienza che non avevo mai provato. Per prima cosa avrei voluto essere informato prima e poi avevo la possibilità di andarmene con soltanto un giorno rimasto nella finestra italiana di mercato. Il mercato infatti in Inghilterra era già chiuso. Una situazione di m****”. Smalling ha proseguito parlando del complicatissimo trasferimento alla Roma di quest’estate: “Ci sono stati momenti in cui ho pensato che non ce l’avrei fatta. Anche la settimana prima ci sono stati momenti in cui era praticamente saltata. Per molto tempo le chance sono state 50 e 50. Sapevamo di avere il coltello dalla parte del manico, ma il trasferimento ancora non era stato chiuso. A volte queste negoziazioni possono diventare un po’ complicate e vanno avanti per alcune settimane, ma in compenso ho passato nove anni in cui ci sono stati momenti fantastici allo United”.