Neymar (foto tratta dal profilo instagram @neymarjr)

Carlos Zambrano, difensore del Boca Juniors e della Nazionale Peruviana che ha affrontato il Brasile mercoledì scorso in un incontro valido per le qualificazioni ai Mondiali, ha pubblicamente accusato Neymar di essere un simulatore durante un’intervista al programma televisivo ‘La banda del Chino‘: “Sinceramente è un grande calciatore, uno dei migliori al mondo, ma per me in realtà è solamente un pagliaccio. È cosciente di quello che può fare in campo, un giocatore eccezionale, ma al minimo contatto vola via. Si è buttato in area quattro o cinque volte per vedere se gli davano il rigore e alla fine è riuscito nel suo obiettivo: gliene hanno dati due, che però non c’erano“. Il difensore peruviano ha poi voluto puntualizzare sulla sua espulsione accusando gli arbitri di sudditanza psicologica nei confronti del Brasile: “Volevo coprire il pallone, visto che era vicino alla linea laterale, però sfortunatamente l’ho preso in faccia. Ho comunque chiesto scusa a Richarlison perchè non volevo fargli male e lui mi ha detto di stare tranquillo, perchè sapeva cos’era successo. Stiamo parlando del Brasile. E quindi appena ho toccato Richarlison tutti hanno guardato verso il VAR. E che fosse giusto o no, sono andati a rivederla allo schermo perchè è il Brasile“.