Luis Suarez (foto tratta dal profilo instagram @luissuarez9)

Il centravanti uruguaiano Luis Suarez, anche ieri in gol con la maglia della sua Nazionale nella sfida contro il Cile valida per le qualificazioni sudamericane al Mondiale del 2022 vinta per 2-1, ha parlato pubblicamente del suo allontanamento da Barcellona, vissuto malissimo dal neoacquisto dell’Atletico Madrid: “Siamo adulti, ma dopo sei anni di Barcellona c’erano altri modi per dirmi che il club riteneva che dovevo cambiare aria. Non sono state corrette le forme di comunicazione che hanno scelto e per questo anche Messi si è infastidito, lui sa quello che abbiamo sofferto in quel momento e non mi ha sorpreso il suo sostegno pubblico nei miei confronti. Lo conosco bene e so che dolore provava per i metodi scelti per dirmi di andar via”. Ha continuato parlando dei giorni del trasferimento all’Atletico: “Sono stati giorni complicati finché non è arrivato il debutto. Ho pianto per quello che ho vissuto, non mi sono piaciuti i messaggi del club che mi chiedevano di trovare una soluzione per lasciare Barcellona, ripeto per la forma, non per altro, perché bisogna accettare che un ciclo può chiudersi, ma quando ti vai ad allenare e ti dicono di metterti da parte quando è il momento di giocare la partita 11 contro 11… beh, non è bello”.