Yuki Ishikawa (foto tratta dal profilo instagram @yuki_ishikawa_official)

Si è svolta sulla terrazza di Maio Restaurant alla Rinascente di Milano la conferenza stampa di presentazione di Yuki Ishikawa, nuovo giocatore dell’Allianz Powervolley alla presenza del presidente Lucio Fusaro e dell’allenatore Roberto Piazza. Il presidente Fusaro ha dato così il benvenuto all’ex giocatore di Padova: “L’anno scorso quando affrontammo Padova, la sua squadra, fece quattro ace di fila. Sono stato a Tokyo e c’erano cartelloni pubblicitari con la sua immagine per promuovere le Olimpiadi. Oggi siamo qui non solo per presentare Ishikawa ma per dire anche che stiamo ripartendo e lo faremo insieme a Yuki”.

LE PAROLE DI ISHIKAWA

Sono molto contento di essere qui. Quando l’ho affrontata da avversario mi piaceva molto questa squadra. Ora farò il mio massimo per l’Allianz Powervolley Milano. Sono onorato che ci sia tanta gente che mi segue, anche e soprattutto dal mio Paese. Mi sono trovato subito bene qui, i compagni sono tutti simpatici e anche lo staff tecnico è esigente ma al tempo stesso è un piacere lavorare con loro. Conoscevo già Matteo Piano, avendoci giocato insieme ai tempi di Modena. La stagione? La situazione è un po’ particolare ma l’importante è cominciare bene, sia in campionato sia Coppa Italia. Non sento pressione o responsabilità, né tantomeno penso già alle Olimpiadi: in questo momento ho ancora tanta voglia di crescere e voglio farlo in questa grande squadra”.

LE PAROLE DI PIAZZA

Yuki è un giocatore molto tecnico, che sapendo l’italiano riesce anche a comunicare bene con i compagni, col palleggiatore e col libero in campo. Conosceva già Matteo Piano, che per noi sarà di fatto un altro acquisto, che farà da collante per questa nuova squadra. Questo periodo di lockdown è stato molto particolare. Ci siamo dati piccoli obiettivi fisici di gestione della persona, anche mentali. Ci siamo ritrovati in palestra con occhi diversi. In tutti gli sport stanno accadendo incidenti particolari: tutti vanno al di sopra delle proprie possibilità. Noi siamo tutti allegri ma c’è un clima in cui tutti vogliamo fare bene“.