(foto tratta dal profilo instagram @lewishamilton)

Intervistato da Crash.net, Lewis Hamilton ha parlato delle dichiarazioni del collega Max Verstappen che, al termine del Gran Premio del Belgio, aveva definito la gara noiosa: “Non posso parlare per i fan, ma essendo cresciuto come uno di loro nell’era Schumacher, posso capire che cosa stanno provando. Dopo la partenza e la ripartenza, sapete che raramente commetto errori, lo stesso vale per gli altri piloti qui, sono molto costanti. È molto difficile superare su questa pista, posso immaginare che non sia la gara più eccitante da guardare. Mi sento esattamente come Max. Spero davvero che nelle prossime gare potremo combattere di più tra di noi“. Il pilota britannico ha voluto poi sottolineare come la colpa di tutto ciò non sia né dei piloti né delle squadre, ma dei vertici della Formula 1 che devono trovare un modo per equilibrare la competizione, da anni dominata dalle Mercedes: “In fondo noi siamo piloti, ci siamo guadagnati la posizione in cui siamo, passiamo da un weekend all’altro con dedizione e diamo sempre il nostro meglio in pista. Le persone che disegnano le vetture, quelle che fanno le regole e cose di questo tipo, sono loro quelli a cui dovete chiedere di fare un lavoro migliore se è possibile. Spero che quello che stanno facendo per il 2022 e le nuove auto possano darci un diverso tipo di gare. Non sarebbe bello poter assistere più da vicino a gare con più competizione?”.