LeBron James (foto tratta dal profilo instagram @kingjames)

In seguito al ferimento del 29enne di colore Jacob Blake ad opera della polizia, tutto lo sport americano sta prendendo posizione sul razzismo: i Milwaukee Bucks hanno deciso di non scendere in campo in segno di protesta per la gara 5 contro Orlando nei playoff NBA. Immediata la presa di posizione anche delle due franchigie di Los Angeles: sia i Lakers sia i Clippers hanno votato per la sospensione definitiva della stagione NBA. Gli altri club sarebbero disposti a proseguire, ma i giocatori, riuniti nella bolla di Orlando in una lunga riunione, non sono così sicuri di continuare: LeBron James si è fatto portavoce del partito favorevole alla sospensione definitiva della stagione e sembrerebbe ci sia una lunga lista di giocatori favorevoli alla chiusura anticipata.