Francesca Marcon (foto tratta dal profilo instagram @francescamarcon7)

Francesca Marcon è pronta a tornare a Bergamo dopo l’avventura nel 2017-2018 nella quale aveva già vestito la maglia rossoblu.
Marcon viene da una stagione travagliata con Caserta ad inizio stagione, una parentesi a Cuneo e gli ultimi mesi al Giorgione in serie B.

LE DICHIARAZIONI

Lo sport insegna che se ci si rialza si può rinascere e lo faremo insieme. Quello scorso non è stato un anno facile perché restate a guardare non è per me, ma ho sempre cercato di lavorare e vivere questo sport, anche nei momenti più bui. Gli ultimi mesi ho giocato in B a Giorgione, vicino a casa, e ho rivisto la luce”. Sul ritorno in Serie A: “Sono felice di tornare e cavalcare il palcoscenico della serie A in una realtà come quella di Bergamo che è sempre il top per una giocatrice. Quello che posso fare è dare la mia esperienza. Mi metto a disposizione dell’allenatore, sarà poi lui a decidere come utilizzare le mie capacità. In seconda linea posso certamente sfruttare le mie caratteristiche”. Sulle novità che aspettano il mondo della pallavolo post-Coronavirus e la ripartenza del volley: “Sarà un anno difficile, nessuno sa come andrà, perché è ancora tutto talmente strano e nuovo che nessuno è in grado di sapere. E’ però importante che noi tutti diamo il buon esempio, a cominciare dagli sportivi: cercare di affrontare le difficoltà seguendo le regole. E’ importante tenere vivo lo sport, perché possiamo dare un messaggio forte: dalle difficoltà ci si riprende sempre, è il motto della vita di un atleta professionista che nelle difficoltà impara a rialzarsi. Quindi anche in un momento così difficile, la pallavolo può rinascere, lo sport può rinascere, la città può rinascere“.