Fernando Alonso (foto tratta dal profilo instagram @fernandoalo_oficial)

Sta facendo scalpore l’annuncio del ritorno in Formula 1 di Fernando Alonso, non solo per il personaggio in sé, ma soprattutto perché aveva dichiarato due anni fa che lasciava perché non poteva competere per vincere. Vuol dire che spera di lottare per la vittoria con Renault? Il quotidiano spagnolo As ha riportato le parole del pilota asturiano in videoconferenza con Cyril Abiteboul: “Quando ho deciso di lasciare la Formula 1 nel 2018 e di prendere fiato, è stata una decisione molto saggia. Quest’anno e mezzo mi è servito per respirare e fare un reset completo. È stato molto produttivo in termini di risultati, ho vinto un altro mondiale, Le Mans e Daytona“.

SULLE CONDIZIONI FISICHE

L’anno scorso sono stato al volante quasi ogni settimana tra endurance, IMSA e i preparativi per la Dakar. Mi sento pronto, fisicamente ho iniziato una preparazione molto specifica, ho fatto dei test 15 giorni fa e i risultati sono stati i migliori della mia carriera“.

GLI OBIETTIVI CON RENAULT

Sono consapevole della situazione e so che solo un team vincerà nel 2020 e probabilmente nel 2021. Le regole 2022 introdurranno nello sport equità con squadre più equilibrate e sarà più difficile inventare qualcosa che porti un miglioramento delle prestazioni. Con tutto questo chiaro in mente dobbiamo sviluppare un buon progetto. Oggi siamo già motivati, sono felice e rilassato, so quale 2021 sarà ma sono speranzoso sul 2022“. Dunque nel 2021 l’obiettivo sarà quello di essere il riferimento principale della scuderia cercando di instaurare un buon rapporto con Esteban Ocon, dopo i problemi avuti nel 2018 con il belga Vandoorne in McLaren. Con le nuove regole, nel 2022, Renault potrà aspirare al titolo mondiale: “Sulle regole 2022 posso essere d’aiuto al team, farò del mio meglio in pista ad aiutarli a diventare campioni del mondo. Se sarà con me al volante, fantastico, altrimenti sarà con un altro pilota in futuro”.