Alex Zanardi (foto tratta dal profilo instagram @zanardiofficial)

Secondo alcune fonti sanitarie, la notte successiva al secondo intervento neurochirurgico è trascorsa senza alcuna variazione del quadro clinico per Alex Zanardi. Resta dunque in terapia intensiva in coma farmacologico, intubato e ventilato meccanicamente all’ospedale di Siena. Il prossimo bollettino medico è previsto per le 18 di oggi.

LA PERIZIA

Nel frattempo il procuratore di Siena Salvatore Vitello e il pm che dirige le indagini, Serena Menicucci, potrebbero affidare nella giornata di oggi l’incarico per condurre le perizie del caso sulla dinamica dell’incidente ad un tecnico. L’ingegnere dovrà stabilire le cause della perdita di controllo dell’handbike H5 da parte dell’ex campione di Formula Uno partendo proprio dall’esamina del mezzo. Il tecnico dovrà dunque verificare se la bici del campione bolognese fosse compatibile con le norme del codice della strada, se, come riferito da alcuni testimoni, abbia ceduto una ruota e se il manto stradale fosse in buono stato nel tratto in cui è avvenuto l’incidente.

Attualmente l’unico indagato (per atto dovuto come ha specificato il procuratore Salvatore Vitello) risulta essere l’autista del tir su cui si sarebbe schiantato Alex Zanardi, Marco Ciacci.