Borna Coric (foto tratta dal profilo instagram @bornacoric)

Solo ieri il tennista bulgaro Grigor Dimitrov aveva annunciato sui social di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Oggi un altro partecipante all’Adria Tour organizzato da Novak Djokovic, il croato Borna Coric, tramite un tweet ha dichiarato di aver contratto il virus: “Ciao a tutti, voglio informarvi che sono risultato positivo al coronavirus. Voglio dire a tutti quelli venuti in contatto con me negli ultimi giorni di farsi fare il test. Sono davvero dispiaciuto per i problemi che posso aver causato. Io sto bene e non ho sintomi. State al sicuro e in salute. Vi voglio bene”

Oltre a Coric, nella giornata di oggi sono risultati positivi anche Christian Groh, allenatore di Dimitrov e Marco Panichi, facente parte dello staff tecnico di Djokovic. Novak Djokovic, intanto, si è recato a Zara, una delle città croate dove si è giocato l’Adria Tour, per sottoporsi al tampone. Anche il premier croato Andrej Plenkovic, presente sabato scorso a Zara per il torneo, si sottoporrà oggi stesso al test anche se, come si legge in una nota di governo, “L’incontro e’ durato due-tre minuti, non ci sono state strette di mano, ne’ un contatto fisico diretto”.

Sebbene la finale del torneo tra Djokovic e Rublev fosse stata annullata, il numero uno al mondo aveva tranquillizzato chi lo criticava per la positività di Dimitrov dicendo che la situazione fosse sotto controllo sin dall’inizio. Andrej Rublev ha così commentato su Twitter la sua negatività al test: “Sono in salute e sto bene, sono negativo al tampone per il Covid-19. E’ nostra responsabilità quello che sta accadendo, quindi dobbiamo cercare di limitare la diffusione del virus. Per questo mi metto in auto quarantena per 14 giorni“.
Sono risultati negativi al test anche Zverev e Cilic, che, come il russo Rublev, saranno in autoisolamento per due settimane.