Katia Aveiro, sorella di Cristiano Ronaldo (foto tratta dal profilo instagram @katiaaveirooficial)

Sono ormai ben note le umili origini di uno tra i calciatori più forti e più famosi di tutti i tempi, Cristiano Ronaldo. Cresciuto a Funchal, Madeira, un piccolo arcipelago di isole a largo della costa atlantica marocchina. E’ risaputo ad esempio che i primi calci ad un pallone Cristiano li ha dati a piedi nudi sulla terra e sul cemento, in campi improvvisati nelle strade dei quartieri poveri di Funchal, dove era necessario dribblare non solo gli avversari, ma anche le macchine, la spazzatura e i topi.

Ora Cristiano è diventato il primo calciatore miliardario della storia, guadagna tra ingaggio alla Juventus e sponsor più di 100 milioni di euro all’anno e possiede un patrimonio immobiliare incredibile.

IL POST SU INSTAGRAM DI KATIA AVEIRO

Con un post sul suo profilo instagram, Katia Aveiro, influencer e cantante, sorella maggiore di CR7, ha voluto ricordare le umili origini della sua famiglia. La foto ritrae la vecchia casa dove è cresciuta, ora demolita ed è accompagnata da un testo emozionante nel quale la 43enne racconta di quando, a pochi mesi dalla sua nascita, fu morsa da un topo in viso: “Sono nata in una vecchia casa, il mio letto era sorretto dai mattoni e quando avevo pochi mesi sono stata morsicata in faccia da un topo. Mia madre è arrivata in tempo, altrimenti sarei più brutta di come sono ora. Sono cresciuta in un quartiere povero e ho imparato ad apprezzare quel poco che avevo“. Prosegue poi il racconto parlando degli insegnamenti di mamma Dolores: “Mia madre mi ha insegnato a condividere tra noi quello che avevamo. La capacità di aiutare gli altri non ha nulla a che fare con quello che si possiede. Tutti possiamo aiutare qualcuno, indipendente dalla condizione sociale

https://www.instagram.com/p/CBy5enVHJOn/

Parole bellissime quelle di Katia Aveiro, che ci avvicinano ancora di più al piccolo Cristiano e ci fanno comprendere ancora meglio i motivi per cui il numero 7 della Juventus sia così legato alla mamma e alla famiglia.