Alex Zanardi (foto tratta dal profilo instagram @zanardiofficial)

Era dal lontano ottobre 2015 che Niccolò Zanardi, figlio dell’ex campione di Formula Uno, non pubblicava un post su Instagram, ed è tornato a farlo in questo momento così tragico di paura e speranza.

Forza papà, ti aspetto, torna presto” questo il messaggio seguito da due cuori sotto una bella foto sorridente del padre, come l’abbiamo imparato a conoscere noi tutti. Il post, pubblicato questa notte, ha superato i 1700 likes e ha scatenato la commozione degli utenti del social network.

View this post on Instagram

Forza papà, ti aspetto, torna presto ❤❤

A post shared by Niccolò Zanardi (@niccolo_zanardi) on

IL BOLLETTINO

Restano stabilmente molto gravi le condizioni del campione paralimpico, ancora intubato, sedato e ventilato meccanicamente. Invariato il quadro neurologico, secondo il bollettino diramato dall’ospedale “Le Scotte” di Siena, dove è ricoverato Zanardi in terapia intensiva: “Il quadro neurologico resta invariato nella sua gravità. Il paziente rimane sedato, intubato e ventilato meccanicamente. Eventuali riduzioni della sedo-analgesia, per la valutazione dello stato neurologico, verranno prese in considerazione a partire dalla prossima settimana. La prognosi rimane riservata“.

LA COGNATA: “SONO ORE DECISIVE”

In un’intervista al quotidiano La Repubblica, Barbara Manni, sorella della moglie di Zanardi, ha parlato delle sue condizioni e di quanto sia una persona speciale: “Sono ore decisive, non sappiamo come ce lo ridaranno. Alex lotta e noi con lui. Passate le 72 ore cruciali, se domani i parametri vitali non si complicheranno allora potremo dire di avere una speranza in più, un’alta possibilità che ce la faccia. Ci attacchiamo a questo, ma dipende da come si risveglierà. È ancora presto per tutto, per risvegliarlo dal coma, per escludere ogni cosa. Ci affidiamo ai medici e sogniamo solo di riaverlo presto. Mia sorella va là ma può stare solo due ore. Per me non è solo un cognato, è il 90% della mia vita, un amico, un compagno di lavoro, una persona speciale. La nostra famiglia è distrutta”.